La Fondazione sbarca in Toscana

Uno sportello di ascolto per sovraindebitati e vittime di usura per essere pronti ad individuare per primi i bisogni di tante persone che stanno subendo gli effetti della crisi a causa della pandemia e che hanno difficoltà a onorare gli impegni economici assunti: è stato attivato a Cecina dal Presidio Libera “Annalisa Durante” in stretta collaborazione con altre realtà associative e con l’Amministrazione comunale.

Proprio in questa delicata situazione di passaggio tra l’emergenza sanitaria e sociale e l’accenno di ripresa bisogna battere sul tempo l’aiuto immediato dell’usuraio, sia esso di quartiere o quello più organizzato gestito dalle mafie, che spesso diviene scorciatoia e sostegno salvo, poi mostrare il suo lato più oscuro.

La presenza dello sportello permetterà di lavorare per sostenere quanti, schiacciati dalle rate dei mutui e dei finanziamenti, non riescono ad arrivare alla fine del mese, dando loro ascolto e facilitando, in presenza dei requisiti richiesti dalla Legge 108/96, il loro accesso al credito bancario.
Gli operatori dello sportello affiancheranno e accompagneranno, in modo riservato e anonimo, le vittime di usura nel loro percorso verso la denuncia; il presidio realizzerà , nelle scuole del territorio, percorsi di sensibilizzazione sull’uso responsabile del denaro, sulla gestione del debito e sul consumo critico e organizzerà convegni, seminari e dibattiti pubblici per informare e approfondire i temi legati all’usura e ai meccanismi di prevenzione.

Per la realizzazione di tutti questi obiettivi, venerdì 17 settembre alle 17 .00 nella sala Primetta Cipolli del Palazzetto dei Congressi a Cecina, sarà siglata una Convenzione a tre tra il Presidio Libera “Annalisa Durante, l’amministrazione Comunale di Cecina e la Fondazione Nazionale Interesse Uomo (www.interesseuomo.org) che darà avvio alle attività dello Sportello.

Sarà l’occasione per incontrare responsabili delle istituzioni e del mondo associativo, i giornalisti e i cittadini e per illustrare i dettagli del progetto.

Leggi il Comunicato stampa

Consulta la locandina