Disable Preloader
Sito realizzato da:

Al fianco di chi denuncia

Il contrasto all'usura passa, anche, attraverso azioni giudiziarie atte a scalfire il sistema organizzativo e le reti criminali che gestiscono e traggono profitto dalla concessione di prestiti illeciti. Per questa ragione la Fondazione Nazionale Interesse Uomo Onlus si è costituita parte civile in processi penali di diversi Tribunali italiani. 

Anno 2000

  • Processo Martorano + 46 (Iena 2) n° 2638/ 2001 R.G.G.I.p. e n° 1916/2000 R.G.R. D.D.A. - Tribunale Ordinario di Potenza; 

Anno 2001

  • Processo Mazzilli Pietro - Imbelloni Pasquale n° 978/2001 R.G.N.R.; 978/2001 R.G. Trib. - Tribunale Ordinario di Lagonegro; 

Anno 2013

  • Proc. pen. n°1556/12 - 21/R.G.N.R. n°500289/13 R.G.G.I.P. - Tribunale Ordinario di Potenza; 
  • Proc. pen. n° 500/13 – 21 R.G.N.R. e 500548/13 R.G.G.I.P. – Tribunale Ordinario di Potenza (Processo Freedom. Lagala + 3); 
  • Proc. pen. n° 2020/13 R.G.G.I.P. e n° 2331/2013 R.G.N.R. della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro (Processo Breccia - Tropea Giuseppe + altri); 
  • Proc. pen. n° 2331/2013 R.G.N.R. e n° 3420/13 R.G.G.I.P. – G.u.p. Tribunale Ordinario di Catanzaro (Macrì Salvatore); 
  • Proc. pen. n° 2331/2013 R.G.N.R. e n° 3420/13 R.G.G.I.P. - Tribunale Ordinario di Catanzaro (Tropea Renzo); 

Anno 2014

  • Proc. pen. n° 4140/14 R.G.N.R. e n° 2750/14 R.G.G.I.P. – Tribunale Ordinario di Vibo Valentia (Moscato Domenico Bruno); 
  • Proc. pen. n° 4140/14 R.G.N.R. e n° 2750/14 R.G.G.I.P. - G.U.P. Tribunale Ordinario di Catanzaro (Processo Insomnia – Cannatà Gaetano più sei); 

Anno 2015

  • Proc. pen. n° 9320/15 R.G.N.R. D.D.A. – Tribunale Ordinario di Crotone (Processo Kyterion – Altilia Giuseppe). 

Anno 2016

  • Proc. pen. n° 884615 R.G.N.R. D.D.A. n° 8338/15 R. R.G.G.I.P.- Tribunale Ordinario di Reggio Emilia 

Anno 2020

  • Proc. pen. n° 2239/14 R.G.N.R. mod 21 D.D.A. n° 1359/14 R. R.G.G.I.P.- Tribunale Ordinario di Catanzaro (Rinascita Scott)

Le notizie

La Fondazione

"Stare vicino alle vittime vuol dire far sentire anche una vicinanza fisica, stare accanto nel senso letterale del termine. E' quello che facciamo quando, oltre ad accogliere il grido di aiuto di chi è vittima di usura, oltre all'accompagnamento alla denuncia e al reinserimento sociale, decidiamo di costituirci parte civile dei processi che nascono proprio grazie a quelle denunce".

Leggi la notizia